Elezioni, un successo di democrazia. Il risultato del voto parla chiaro

pappagallo

È comprensibile il nervosismo di chi come i colleghi di Controcorrente pensava di dare una spallata al gruppo dirigente di Stampa Romana e al suo segretario Lazzaro Pappagallo e so lo è visto confermato dalle 501 preferenze dai colleghi. Siamo solo alle elezioni dei delegati al congresso della Romana, ma il risultato del voto parla chiaro. Un vero successo di democrazia perché per l’Asr ha votato più del 50% dei colleghi aventi diritto. E questo grazie al voto elettronico e malgrado le falsità che hanno provato a inquinare questo momento di democrazia. I colleghi non ci sono cascati. I vertici di Controcorrente con toni da battaglia campale hanno schierato tutto il possibile: il gruppo dirigente dell’Ordine, degli istituti di categoria, di associazioni importanti per il mondo dell’informazione come Articolo 21, grandi firme e protagonisti di antiche stagioni del sindacato. Il risultato sono stati una quarantina di voti in più sulla lista di Informazione@futuro, quella del sindacato che lavora con le redazioni, che assiste i colleghi precari e disoccupati, che si pone il problema del lavoro e dei diritti, della formazione per aumentare il potere contrattuale dei colleghi nell’era digitale. Parlano i numeri: sui 1451 giornalisti professionisti che hanno votato per i delegati al congresso Asr ben 501 hanno scelto Lazzaro Pappagallo, 602 hanno votato Informazione@futuro e 649 la lista di Controcorrente. Di questi 384 sono andati al loro capolista Paolo Borrometi, presidente dell’associazione Art.21. Sono 47 voti differenza e due delegati in più (25 contro 23), tra l’altro più che compensati dai collaboratori eletti con la lista di informazione@futuro. Poco diverso il risultato per l’elezione dei delegati al congresso Fnsi: 549 a Informazione@futuro contro 604 voti a Controcorrente. Pappagallo ha avuto 459 voti, mentre sempre Borrometi, capolista di Controcorrente, 394 voti.

I raffronti con altre votazioni sono impropri, visto che una parte consistente di Controcorrente era in Informazione@futuro da cui è uscita dopo il congresso del 2014.
Questi sono i numeri. Esprimono l’oggettivo apprezzamento dei giornalisti di Roma e del Lazio di tutte le realtà per il segretario di Stampa Romana e per la squadra di Informazione@futuro che ha diretto l’Asr favorendo moltissimo la partecipazione dei colleghi.

La campagna di denigrazione e veleni non ha pagato, ma continua. Non si comprende che l’apprezzamento dei colleghi è andato all’azione di un sindacato che è attento al lavoro e alla difesa concreta dei colleghi. E che, come sempre, è pronto a misurarsi sulle cose da fare in autonomia e attento all’interesse della categoria. Che lo fa geloso della sua autonomia e forte del rapporto con i colleghi. Questo porterà al Congresso Fnsi e a quello di Stampa Romana. Lo farà con senso di responsabilità. Ci auguriamo sia un percorso seguito da tutti.

Roberto Monteforte, portavoce di Informazione@futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.