Fondo giornalisti, ripartire da qui: ridurre le distanze con gli iscritti

Fondo giornalisti risultati

Grazie a tutti i colleghi che hanno votato in blocco la Coalizione credendo nel programma di Fondo Sicuro. Pochi ma importanti punti per garantire a tutti i giornalisti la sicurezza di uno strumento fondamentale per la nostra previdenza. Nelle chiacchierate dei giorni precedenti le votazioni, ho colto che in pochi conoscono le caratteristiche di questo Istituto a cui ognuno di noi contribuisce ogni mese per tutti gli anni della sua vita lavorativa. Ma non solo: c’era chi si era iscritto e non lo ricordava più o chi, al contrario, “scopriva” con le votazioni la sua iscrizione al Fondo. Episodi, sì, che però denunciano una qualche distanza da questo Istituto. Ecco, credo, sia importante ripartire da qui, dal ridurre le distanze tra gli iscritti ed il Fondo. Come diceva il nostro programma, è importante divulgare la conoscenza e far sapere ai giornalisti i vantaggi fiscali così come le opportunità del Fondo. Conoscere questo Istituto, cosa fa dei nostri soldi, come sceglie di investirli significa anche usarlo meglio, usufruendo appieno dei vantaggi che può dare per ciascuno di noi. Abbiamo pensato per questo ad uno sportello itinerante o ad incontri tra gli Uffici del fondo e le redazioni, Mi sembra che sia anche una delle esigenze espresse dai colleghi e testimoniata dalla grande partecipazione a queste Elezioni, Il lavoro per me è all’inizio e sono orgogliosa di aver avuto la fiducia di tanti colleghi così come di far parte di una squadra di giornalisti competenti che conoscono la materia. Il nostro obiettivo comune sarà rendere più efficiente il Fondo ma soprattutto permettere ai giornalisti di essere protagonisti nel rapporto con questo Istituto e non distratti deleganti. Perché, mai come ora, è fondamentale che quell’aggettivo “sicuro” resti ben agganciato al Fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.