Piena correttezza di stampa romana nella vicenda Borrometi vs Agi

Paolo Borrometi, presidente di Articolo 21, ha protestato perché la direzione dell’agenzia Agi non ha voluto pubblicare un servizio di approfondimento su Vincenzo Scarantino e la sua ritrattazione delle accuse al pm Nino Di Matteo.

Non si è rivolto al sindacato, ha scritto sul sito della sua associazione. E lo ha fatto in termini che hanno irritato il Comitato di redazione dell’Agi, il cui comunicato è stato pubblicato sul sito dell’Associazione Stampa Romana come succede per tutti i comunicati dei Cdr del Lazio.

Controcorrente ora ne approfitta per attaccare la Segreteria di Stampa Romana come se avesse nascosto chissà quale “denuncia” del collega Borrometi. Non c’è nessuna denuncia. Solo una polemica, molto scomposta, per un pezzo non pubblicato. E una componente sindacale che non trova di meglio che scatenare risse sul nulla, nascondendosi dietro un collega a cui tutti abbiamo manifestato solidarietà quando era bersaglio di minacce mafiose.

Di fronte ai drammatici problemi della categoria e delle agenzie di stampa i colleghi sapranno riconoscere e giudicare chi tutela e protegge interessi generali e chi difende protagonismi personali.

Alessandro Mantovani – portavoce Informazione@futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.